7 chiavi per scegliere il tuo corso di coaching

Linus BohmanSei interessato ad un corso di coaching e vuoi iscriverti alla scuola migliore … ma come decidere qual è il corso più giusto per te? Certamente per iniziare documentati leggendo i suggerimenti della International Coach Federation, la più grande ed importante associazione di coach professionisti al mondo. ICF Italia, il chapter italiano, offre qua una lista di consigli interessanti.

Oggi, dopo diversi anni di colloqui di orientamento con persone dai background più articolati, vogliamo metterti a disposizione la nostra esperienza affinché tu possa compiere una scelta mirata. Dopotutto, seguire un corso di coaching è un impegno, specialmente a livello economico e di tempo, così è utile riflettere su alcuni possibili criteri da adottare.

Ecco secondo noi i 7 aspetti più importanti da investigare:

1. La scuola. Da quanto tempo esiste? Certo, è semplice creare un sito web e pubblicizzare corsi di coaching, ormai sono in tanti a farlo, ma qual è la storia della scuola? Come ha avuto origine? In che modo si è sviluppata? E’ “fatta in casa” nel nostro paese o gode di respiro internazionale? Quali altri corsi offre (massimo un paio o una gamma completa)? Quanto è conosciuta? Di che reputazione gode fra gli addetti ai lavori?o o una gamma completa)? Quanto è conosciuta? Di che reputazione gode fra gli addetti ai lavori?

2. La filosofia e l’approccio formativo. Le descrizioni che leggi sono parole, occorre poi vedere quanto in effetti corrispondono ai fatti, ma è sempre utile riflettere sulla filosofia della scuola. Si limita a proporre degli strumenti proprietari (modello della sessione di coaching in sette fasi, tre salti carpiati e due varianti casuali) o ha radici radicate nella prassi e in approcci comprovati? In che modo si differenzia dalle altre scuole? Quanto enfatizza l’aspetto teorico, e quanto quello pratico? Trasmette semplicemente delle competenze, o ti aiuta a svilupparti anche come individuo?

3. I Trainer. A volte, potresti fare un colloquio di orientamento con il Responsabile della scuola, e poi vederlo solo una volta in aula. Chi è che insegna? E chi ti offre i feedback dettagliati sulle sessioni di coaching? Quali credenziali ha? Quale il suo background? Da quanti anni insegna? Che formazione ha seguito prima di iniziare ad insegnare (sia a livello di formazione come coach, che di formazione come trainer)? Se chiedi un colloquio, ti viene indicato il responsabile del programma o un addetto alle vendite?

4. Il programma. In che dettaglio viene illustrato il programma? Che orientamento ha? Alcune scuole sono votate al business coaching, altre al life coaching: come spiegano questa scelta e cosa ritengono di offrire di più grazie a questo approccio? Quante ore di formazione offrono i programmi che stai considerando? Qual è il costo complessivo e quale quello per ora di formazione? Ci sono altri costi da sostenere per arrivare a conseguire il diploma? Cosa succede se ti dovessi trovare a mancare a una giornata d’aula? La scuola conduce regolarmente sondaggi alla fine dei corsi per raccogliere feedback? E poi, come li mette in pratica?

5. L’accreditamento del corso. Che accreditamento gode il programma formativo che ti viene proposto? È un accreditamento da ICF o da altra associazione? E se da ICF, si tratta di una formazione ACTP, ACSTH o cos’altro? La scuola è pronta ad illustrarti la differenza fra i vari accreditamenti? Ed a evidenziare in che modo i differenti programmi impattano la richiesta di una credenziale ICF, in termini di impegni, costi e tempi successivi? Da quanto tempo è stato accreditato il programma?

6. I clienti. Chi sono i clienti della scuola? In genere, qual è la tipologia dei partecipanti al corso di coaching che stai considerando? Qual è il numero medio (minimo, massimo) che partecipa ad un corso? Qual è stata l’esperienza di chi si è appena formato? In che modo la scuola, dopo la formazione iniziale, sostieni i propri alumni?

7. La risonanza. Cosa dice la tua intuizione, cosa dice il tuo cuore? Fino a questo momento ti abbiamo suggerito di considerare i fatti e le loro implicazioni. Ma la scuola giusta per te è anche una scuola con cui risuoni internamente. Potrebbe non esserti chiaro con cosa risuoni, ma ci deve essere una qualche affinità. Con i Trainer, con la filosofia, con la metodologia formativa. Se risuoni, sarà più facile per te dare il tuo meglio e mettere gli apprendimenti al servizio della tua vita e di quella degli altri. La risonanza è davvero importante.

Ti interessa sapere qual è la proposta FUTURE per il prossimo Professional Coach in partenza? Clicca qua.

Buona lettura, e buona scelta.

 

photo © Linus Bohman
Questo articolo è stato pubblicato in News. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Questo sito fa uso di cookie tecnici e profilanti. Continuando a usare questo sito accetti l'utilizzo di tutti i cookie. Informazioni estese

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close